Video Dragonero

Gmor visto da Gizzi

Gmor visto da Gizzi

Lo Speciale 2019 di Dragonero, "Le ali della Strige", vede l'esordio bonelliano di Emanuele Gizzi. Prima di incontrare i lettori del Bonelli Point, il disegnatore siciliano è passato in redazione e ha realizzato un rapido ritratto del nostro orco preferito.

Palermitano, classe 1989, Emanuele Gizzi ha debuttato da professionista a soli 19 anni, nel 2009. Esattamente dieci anni dopo è approdato alla Sergio Bonelli Editore, disegnando per la nostra Casa editrice una storia di Dragonero che è stata pubblicata nello Speciale n.6, "Le ali della Strige", in edicola, fumetteria e nel nostro Shop online dal 10 luglio.

Un ragazzo, rapito molti anni prima da un remoto villaggio dell'Erondár, ritorna improvvisamente, ma lo fa in modo straordinario: cadendo dal cielo! Il mistero che avvolge la sua ricomparsa spinge Ian Aranill a indagarne le ragioni e la cosa lo porta a confrontarsi con un'antica creatura che molti credevano essere soltanto un mito: la Strige!

Una settimana dopo l'uscita dell'albo, il disegnatore siciliano è stato ospite del Bonelli Point di Milano insieme con Luca Enoch - che della storia contenuta nello Speciale 2019 è lo sceneggiatore - per incontrare i lettori e dedicare loro autografi e disegni. Prima di recarsi in via Marghera, però, si è fermato in redazione e ha realizzato davanti alla nostra telecamera un rapido sketch per tutti i fan dragoneriani che per un motivo o per l'altro si trovano lontano da Milano.

Ecco quindi qui sotto il video di Gizzi che disegna non Ian Aranill come sarebbe stato facile pensare, bensì l'orco preferito da tutti i lettori, vicini e lontani: Gmor. Buona visione, e buona lettura!


Se non volete perdervi nessun aggiornamento riguardo Dragonero e la sua banda, seguite la pagina Facebook del personaggio. Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, invece, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram, iscrivervi al nostro canale YouTube o alla newsletter settimanale.

30/07/2019