I suoi amici

I suoi amici

Chi è Mister No

Vecchi commilitoni e compagni d'avventura con cui ha rischiato la vita. Primo fra tutti, Esse-Esse.

Gli amici di Mister No sono tanti e affezionati. Ne ha un po' dappertutto: vecchi commilitoni del tempo di guerra e nuovi compagni conosciuti durante i suoi viaggi in Brasile e in Sud America. Il più importante è sicuramente Otto Kruger, detto Esse-Esse: un tedesco reduce di guerra che, come Jerry, ha scelto di vivere a Manaus, lontano dal cosiddetto mondo civile. Esse-Esse è un ex soldato tedesco, ma non un nazista: è stato coinvolto in una guerra che non ha scelto di combattere. Non ha mai fatto parte delle famigerate SS, il soprannome gli è stato affibbiato dai brasiliani con un certo humor nero. È un maestro nell'uso del coltello. È più duro e cinico di Mister No, e se deve uccidere lo fa con molti meno scrupoli del suo amico "yankee". Otto Kruger è, inoltre, protagonista di una mini-serie parallela, in episodi di trentadue tavole ciascuno, allegati agli Speciali n. 9, 10 e 11, in cui si raccontano le sue avventure al ritorno in Germania dopo la fine del conflitto. La scoperta dell'orrore dei lager spinge Kruger a dare la caccia al colonnello Wolfe, suo comandante nell'Afrika Korps e direttore del campo di concentramento di Kirkenburg: un "viaggio al termine della notte" che lo porterà fino al cuore della giungla asiatica e farà di lui un giramondo senza patria. L'ex soldato tedesco deve fare i conti con gli errori e con gli orrori della sua generazione: un tema impegnativo, affrontato con un linguaggio insolito per un fumetto "popolare".

Un altro amico importante è Phil Mulligan, un ex commilitone di Mister No ai tempi della guerra nel Pacifico, che adesso fa il detective privato a New York e scrive romanzi polizieschi il cui protagonista si chiama... Jerry Drake!

Altri ex commilitoni ritornano nelle storie di Mister No. Fra questi vanno sicuramente ricordati: Alan Chambers, attualmente ranger nel Parco Nazionale del Colorado, sulle Montagne Rocciose, e Steve Mallory. Diventato dopo la guerra un agente corrotto dell'Fbi, quest'ultimo viene ucciso dallo stesso Mister No in Italia, nel 1948. Mister No non ha una "spalla" fissa che lo affianca nelle sue avventure, ma c'è tutta una serie di personaggi ricorrenti che animano le sue storie ambientate a Manaus, la città immersa nella foresta amazzonica: il barista Paulo Adolfo gestisce il locale dove Mister No consuma gran parte delle sue bevute; il sergente Oliveira comanda i poliziotti che spesso arrestano il "gringo" per futili motivi (ma soprattutto per la sua insofferenza al potere in qualsiasi forma).

Le allegre "garotas" (ragazze) Clara e Isabela, nella cui casa spesso il pilota trascorre piacevoli serate; i meccanici dell'aeroporto cui affida il suo piper scalcinato (il simpatico Augustino è morto nell'episodio numero 241 della serie e il suo posto è stato preso dal meccanico di colore João); Celestino, guida amazzonica anche lui, è un indio tatuato, cresciuto in un collegio;

Luna, affascinante e "misteriosa" chiromante, che azzecca puntualmente il futuro dello scettico Jerry; Mama Rosa, madre (adottiva) di Celestino e di un'altra decina di figli. 

Spesso Mister No fa amicizia con musicisti di vario genere, come Dana Winter, cantante jazz nord-americano, Curtis Gray, sfortunato sassofonista che muore alla fine di una delle storie newyorkesi, e Olinto Righetti, "famoso baritono" italiano. Quasi in ogni città dove arriva, il pilota incontra baristi, ragazze, meccanici, poliziotti e musicisti: il "teatrino" che si muove intorno a lui quando agisce a Manaus si riproduce dappertutto con gli stessi ruoli fissi, a Bahia come a Rio, al Cairo come a New York.