Cos'è Odessa

I protagonisti

I protagonisti


YAKIV YURAKIN
L'eroe di Odessa. Un ibrido metà umano e metà alieno. Quale delle due nature avrà il sopravvento?

Quando il Giorno della Fusione sconvolge la città di Odessa, Yakiv sta giocando con gli amici al parco. Mentre cerca la palla tra alcuni arbusti, il bimbo cade in un tombino lasciato accidentalmente aperto e sprofonda nel sottosuolo... almeno, fino a quando il suo corpo si sovrappone – fondendosi - con quello dell'alieno telepate che governa l'astronave Serraglio 457.

Fortunatamente, i due vengono separati prima che sia troppo tardi, dividendosi sostanzialmente a metà: l'alieno diventa al 50% umano e Yakiv viceversa (50% alieno). Come se ciò non bastasse, le istruzioni per assemblare l'unica Arma in grado di fermare gli Ignoti - progetto che il telepate ha cullato per anni in gran segreto - rimangono nella parte aliena amalgamatasi con il terrestre, rendendo Yakiv l'unica creatura in grado di opporsi alla minaccia che incombe su Odessa: l'arrivo degli Ignoti!



ALIENO TELEPATE
È
il cervello dell'astronave Serraglio 457. E l'altra metà di Yakiv Yurakin.

Soprannominato Mozok (che, in ucraino, significa cervello) da Yakiv, è uno sventurato schiavo degli Ignoti utilizzato per gestire l'astronave Serraglio 457. La sua inattesa autonomia di pensiero, però, lo porta a elaborare il progetto dell'unica Arma in grado di sconfiggere i propri aguzzini... e a inviare un impulso psichico a tutti i prigionieri per metterli al corrente che ogni razza possiede un tassello indispensabile per realizzarla!
Purtroppo, l'impulso non va a buon fine; anzi: genera il malfunzionamento che dà luogo alla fusione con la città di Odessa. E all'inizio della nostra avventura!



ZHIRAS
Inseparabile compagna di Yakiv, è un autentico portento con le armi da taglio!

Il Giorno della Fusione non è stato certo un evento indolore. Molti, tra terrestri e alieni, sono morti quel giorno; compresi i nonni di Yakiv. Il nostro eroe, quindi, cresce in un orfanotrofio presieduto dalle Madri (razza extraterrestre buona e caritatevole) dove incontra Zhiras, una giovanissima malmuutiana – ovvero, proveniente dal pianeta Malmuut - che ha perso la propria famiglia a sua volta. I due diventano presto inseparabili, condividendo – da lì in avanti – gioie e avversità.


GORAZ
“Le prime vittime delle armi sono coloro che le impugnano”. È questo il suo motto. Ma non conviene farlo arrabbiare...

Goraz è uomo che sa che cosa significa combattere. Ha conosciuto violenza, morte e crudeltà, fino a decidere di dire basta e cambiare vita una volta per tutte. Una volta rientrato a Odessa dopo anni di guerre, si è dato al vagabondaggio. Pochi minuti prima che la Fusione sconvolgesse la città, ha conosciuto la donna che gli ha rapito il cuore: Viktoriya “Tori”. Oggi, insieme a Zhiras, Goraz è una delle persone più vicine a Yakiv; uno dei suoi migliori amici. Senz'ombra di dubbio, il più forte.


VIKTORIYA "TORI"
La scienziata del gruppo. L'unica persona che può aiutare Yakiv ad assemblare l'Arma per respingere gli Ignoti.

Prima della Fusione, era una progettista informatica sposata con Ermil Sokolov, poliziotto tutto d'un pezzo sempre in prima linea. Poi, dopo il divorzio da quest'ultimo, ha incontrato Goraz un attimo prima che Odessa si trasformasse. Tra i due nasce una tenera amicizia – anche se per l'omone è decisamente qualcosa di più – che unisce indissolubilmente i loro destini. Grazie a una trovata geniale che migliora la vita della variopinta comunità alieno-terrestre, Viktoriya diventa la scienziata di riferimento di Odessa. E Goraz il suo aiutante di fiducia. Saranno proprio loro ad avvicinare Yakiv e Zhiras e a proporsi di aiutarli a costruire l'Arma che respingerà gli Ignoti. Le competenze tecniche di Tori, infatti, si riveleranno uno strumento indispensabile per tradurre in realtà il progetto ideato da Mozok.