3 settembre 2020

Luca Crovi racconta la storia del giallo italiano

Luca Crovi racconta il giallo italiano

L'editore Marsilio ha dato alle stampe "Storia del giallo italiano", del nostro Luca Crovi. Quasi un seguito del suo storico "Tutti i colori del giallo", il volume è un approfondito excursus sui titoli e i protagonisti della storia della letteratura gialla nel nostro paese.

Era la primavera del 2002 quando Marsilio dava alle stampe "Tutti i colori del giallo", titolo del nostro Luca Crovi che ha avuto un successo tale da trasformarlo prima in una trasmissione radiofonica e poi in un seguitissimo festival in quel del Canton Ticino. Ora, sempre con Marsilio e naturalmente sempre per mano di Luca Crovi, arriva in libreria Storia del giallo italiano, che del volume di quasi vent'anni fa può essere considerato un seguito spirituale.

Concentrandosi questa volta solo sulla letteratura e suddividendo le 512 pagine del libro in brevi ma precisi e approfonditi capitoli tematici, Crovi racconta come gli autori italiani hanno declinato nel corso del tempo un genere che a lungo è stato visto come alieno al nostro panorama letterario. Se infatti i capostipiti del giallo italico risalgono alla metà del XIX secolo, la dignità del genere si è affermata nel Belpaese ben dopo che Mondadori gli aveva associato il colore che ancora oggi lo contraddistingue.

Se siete appassionati di gialli, polizieschi e thriller, se siete d'accordo con Augusto De Angelis nel definire il genere come «il frutto rosso di sangue della nostra epoca», e se avete voglia di leggere un vero e proprio trattato di "anatomia degli omicidi" che la letteratura italiana ha raccontato negli ultimi 170 anni, allora Storia del giallo italiano è proprio il libro che fa per voi. Lo trovate in libreria e nei vari shop online al prezzo di 19 euro.

Per ulteriori informazioni, potete visitare il sito ufficiale di Marsilio.


Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram, iscrivervi al nostro canale YouTube o alla newsletter settimanale.

02/09/2020