1976

Un uomo un'avventura

Un uomo un'avventura

È una serie di lussuosi volumi a colori, voluta dall'editore Sergio Bonelli (e curata da Decio Canzio) allo scopo di dimostrare le possibilità narrative e grafiche di un mezzo, il fumetto, spesso bistrattato dalla critica "dotta". Ogni volume, realizzato dai più grandi disegnatori e sceneggiatori italiani (con qualche presenza di autori stranieri), affronta un diverso periodo storico, descrivendolo attraverso l'avventura di un uomo, reso simbolo dell'epoca di cui in quel momento si narra. Partendo da questo spunto, sono stati realizzati trenta albi, chiari esempi di come, aiutato da risorse adeguate, il fumetto sia in grado di assurgere a livelli propri di un testo di saggistica storica, affrontando tematiche impegnative (si pensi al volume "L'Uomo del Sud", dedicato al brigantaggio, a opera di Alarico Gattia), ma anche di allargare i suoi orizzonti verso nuove soluzioni grafiche e narrative, come accade in "L'Uomo della Somalia", di Hugo Pratt, o in "L'Uomo di Canudos", del brasiliano Jô Oliveira. Altri volumi di grande interesse all'interno della collana sono sicuramente quelli realizzati da Attilio Micheluzzi ("L'Uomo del Tanganyka" e "L'Uomo del Khyber"), eccezionalmente precisi nella ricostruzione degli ambienti, e quelli del grande Sergio Toppi ("L'Uomo del Nilo", "L'Uomo del Messico" e "L'Uomo delle paludi"), la cui pagina "aperta" permette di spaziare con la mente al di là del disegno. Segnaliamo anche l'intervento di Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo, con una bella storia dedicata alla rivolta nelle Filippine del 1902, e quello di Bonvi, con una inusuale cronaca della battaglia di Tsushima, combattuta tra russi e giapponesi nel 1905. Non possiamo poi dimenticare Gino D'Antonio che, a volte da solo, con "L'Uomo di Iwo Jima", a volte affiancato da Ferdinando Tacconi ("L'Uomo del Deserto" e "L'Uomo di Rangoon"), da Guido Buzzelli ("L'Uomo del Bengala") e da Renato Polese ("L'Uomo di Pechino"), ci ha regalato proprio in questa collana alcune delle più belle storie degli ultimi anni. Altri nomi prestigiosi apparsi all'interno della serie sono quelli di Aurelio Galleppini ("L'Uomo del Texas"), Guido Crepax ("L'Uomo di Pskov" e "L'Uomo di Harlem"), Milo Manara ("L'Uomo delle Nevi"), Giancarlo Alessandrini ("L'Uomo di Chicago"), Fernando Fernandez ("L'Uomo di Cuba"), Enric Siò ("L'Uomo delle Piramidi") e Robert Gigi ("L'Uomo del Giappone"). Per completezza citiamo i volumi "L'Uomo del Klondike" (Gattia) e altre tre belle storie di Pratt "L'Uomo del Sertão", "L'Uomo dei Caraibi" e "L'Uomo del Grande Nord". Un'ultima segnalazione per i due volumi "L'Uomo della Legione" e "L'Uomo del New England", opere raffinatissime dell'indimenticabile Dino Battaglia.

14/05/2013