1948

Il ladro di Bagdad

13/05/2013

Questa suggestiva avventura, splendidamente disegnata da un Raffaele Paparella più che mai convincente e scritta da Gianluigi Bonelli, narra le vicende di Alì Khim, erede al trono e scampato per miracolo al colpo di stato organizzato da Harun Rasci che ha causato la morte del califfo padre di Alì.

Cresciuto da un ladruncolo, Alì verrà a sapere il proprio nome da Timur, uno spiritello, contenuto in un anello che il ragazzo ha avuto la ventura di rubare. Grazie ai poteri dell'anello e ai consigli del genietto, Alì riuscirà a tornare sul trono che gli spetta e a impalmare la bella Zuleyma, che ha conosciuto nel corso della storia.

Interrotta sulle pagine della "Serie d'Oro Audace", la storia fu ristampata e portata a termine nella Collana Ragno d'Oro, dove fu pubblicata con il titolo di "Alì Khim, il ladro di Badgad" (1950).