Cthulhu Death May Die

Cthulhu invade Cultura Pop

Cultura Pop, il canale di Tom's Hardware dedicato al mondo nerd e geek, ha ospitato una lunga chiacchierata con gli autori di Cthulhu Death May Die, in cui gli sceneggiatori, il disegnatore e il colorista hanno raccontato le genesi del volume.

14/07/2021

Cthulhu invade Cultura Pop

Cultura Pop è il canale dedicato al mondo nerd e geek dell'edizione italiana di Tom's Hardware, uno dei siti di informatica e tecnologia più importanti al mondo, online da oltre venticinque anni. Valorizzato dalla scelta di non sbandierare il termine "nerd" nel nome, come sembra invece obbligatorio fare (spesso a sproposito) nell'internet odierno, Cultura Pop dedica spesso spazio ai fumetti pubblicati da Sergio Bonelli Editore, con recensioni, interviste e approfondimenti.

Alcune settimane fa i suoi redattori hanno fatto "quattro chiacchiere" in streaming con gli autori di Cthulhu Death May Die, arrivato nelle librerie e fumetterie italiane a metà giugno con due diverse copertine. Gli sceneggiatori Luca Enoch e Stefano Vietti, il disegnatore Riccardo Crosa e il colorista Paolo Francescutto hanno risposto per quasi un'ora e mezza alle domande di Domenico Bottalico e Manuel Enrico, un'intervista talmente scoppiettante che a un certo punto persino Twitch è andato in tilt, costringendoli a spezzare lo stream in due video diversi.

Per vedere la lunga intervista, quindi, potete cliccare prima qui e poi qui. Buona visione!

Cthulhu - Death May Die. Anche la morte può morire!, testi di Luca Enoch e disegni di Riccardo Crosa e Simone Paoloni, copertina di Riccardo Crosa. Dal 17 giugno in libreria, fumetteria e nel nostro sito ufficiale.

Cthulhu - Death May Die. Anche la morte può morire! - Edizione variant, copertina di Stefan Kopinski. Dal 17 giugno nelle fumetterie Manicomix e nel nostro sito ufficiale.


Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram, iscrivervi al nostro canale YouTube o alla newsletter settimanale.