Dragonero

È guerra!

Sabato 9 novembre arriva in edicola "I ribelli dell'Erondàr", e dopo la sua uscita nulla sarà più come prima, nel mondo di Dragonero. A raccontarci cosa rappresentano gli eventi dell'albo per i personaggi della saga erondariana, ci pensa il curatore Luca Barbieri.

Quando il potere del sovrano degenera in tirannia, non è soltanto legittimo bensì doveroso resistere al dittatore e, con ogni mezzo, anche con mazze e pietre, abbatterlo e scacciarlo... oppure ucciderlo. Così afferma perentoriamente Vrill Ausofer, colui che era stato Cancelliere dell'Imperatore, un uomo di stato che sa bene che lo Stato non coincide con il Re che lo comanda, ma gli è superiore.

È con queste parole che inizia l'insurrezione contro l'Impero che il perfido Leario sta trasformando in una folle e malvagia teocrazia, parole seguite dal gesto di sollevare lo stendardo nero sotto il quale si uniranno tutti i coraggiosi Ribelli dell'Erondàr. Questo gesto lo compie, simbolicamente, proprio Dragonero, l'Eroe che ha finora più volte difeso l'Impero a rischio della sua stessa vita, salvandolo anche dalla peggiore delle catastrofi: l'invasione delle Regine Nere. Ian Aranill è stato ufficiale e scout imperiale, salvatore della casata erondariana e uccisore della Regina Madre... Ora, per obbedire alla ferrea legge d'onore che governa il suo cuore, diventerà un ribelle!

Cosa accadrà da questo momento in poi, tutti voi lettori potrete immaginarlo... oppure leggerlo a partire dall'albo "I ribelli dell'Erondàr", che apre un nuovo, straordinario ciclo di avventure!

Io starò al fianco di Ian. E voi... voi da che parte starete?

Luca Barbieri


Se non volete perdervi nessun aggiornamento riguardo Dragonero, seguite la pagina Facebook del personaggio. Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram, iscrivervi al nostro canale YouTube o alla newsletter settimanale.

15/10/2019