Lucca Comics 2019

Una cover lenticolare per Dampyr!

Nei nostri stand lucchesi avete modo di acquistare, tra le tante novità, anche l'edizione variant di "L'amica mortale", il numero 236 di Dampyr, che presenta una spettacolare copertina lenticolare firmata da Alessio Fortunato.

Sergio Bonelli Editore è presente a Lucca Comics & Games 2019 con i suoi fumetti e i suoi autori. Questo spazio ospita un conto alla rovescia che vi presenta tutte le novità - editoriali e di merchandising - che potete trovare ai nostri stand durante la kermesse toscana. Un percorso di avvicinamento a quella che si preannuncia essere un Lucca esplosiva, per la nostra Casa editrice, che potete seguire anche attraverso la diretta streaming sul nostro canale YouTube e Twitch.

Il numero 236 di Dampyr, "L'amica mortale", arriva in edicola il 5 novembre, ma nei nostri stand a Lucca Comics & Games potete trovarlo in edizione limitata con una speciale variant cover realizzata da Alessio Fortunato, autore anche dei disegni dell'albo su sceneggiatura di Giorgio Giusfredi. Chi di voi la stringerà tra le mani scoprirà un effetto davvero speciale, che sembra dare vita ai poteri della Strega Regina della bella Ann Jurging. L'albo con copertina variant costa 7 euro ed è disponibile per l'acquisto nel nostro Shop online contemporaneamente alla fiera di Lucca.

Per raccontarci com'è nata questa cover, e cosa contiene l'albo, abbiamo fatto quattro domande ai due autori.

► C'è un famoso film horror italiano, che è stato recentemente oggetto di remake, ambientato in una scuola di danza tedesca. Il vostro albo è ambientato in una scuola di danza tedesca. Un caso?

Giorgio Giusfredi: Niente affatto! "L'amica mortale" è il seguito del celeberrimo albo numero 13 di Dampyr, "L'isola della Strega" di Colombo e Andreucci. Quella storia cominciava in una scuola di danza a Norimberga proprio perché "Suspiria" di Dario Argento è uno dei film preferiti di Maurizio Colombo. Anni dopo, ho messo in cantiere una storia con Alessio proprio mentre Guadagnino iniziava a girare la sua versione del capolavoro horror di Argento che tu cripticamente mi citi nella domanda.

► Alessio, in che modo hai cambiato lo stile del disegno, per i flashback e le allucinazioni?

Alessio Fortunato: In questa storia, in alcuni momenti, Giorgio aveva bisogno di una "fotografia" diversa per raccontare alcuni flashback e visioni allucinate e così mi ha proposto una inchiostrazione diversa (cosa che avevo già provato sull'albo precedente, "Pianeta di sangue") e devo ringraziarlo per avermi dato la possibilità di esprimermi in maniera più "pittorica". Non usavo le Ecoline da tempo, una tecnica a me molto cara, e mi è parso naturale sceglierla per questa occasione. Tutti i toni del grigio li ho ottenuti con il nero "matto".

► L'albo è disponibile a Lucca in versione con copertina variant, una spettacolare cover lenticolare. C'è un po' di emozione, per questo?

Alessio Fortunato: A questa domanda devo rispondere solo un grande, gigantesco "Grazie"! Sono davvero emozionato per questa possibilità offertami da Mauro Boselli, Giorgio e dall'intera Casa editrice. Un onore grandissimo al quale spero di aver risposto con il rispetto che meritano tutti.

► Ci raccontate com'è stata realizzata, la copertina lenticolare?

Giorgio Giusfredi:  Con quattrocentocinquata telefonate tra me e Alessio. A parte gli scherzi (anche se non scherzo mica tanto), volevamo sfruttare il talento pittorico di Alessio, oltre a quello che di consueto mette in mostra usando i suoi tratteggi con la penna biro per creare suggestivi chiaroscuri. L'idea e il soggetto protagonisti della cover penso siano chiari già dall'immagine animato che trovate a corredo di questo articolo.
Vista la particolarità del lavoro, avevamo anche bisogno di qualcuno che regolasse e imbrigliasse l'estro artistico di Fortunato. Quindi oltre al nostro Roberto Banfi, che si occupa come al solito dell'impaginazione e del progetto grafico, abbiamo affiancato ad Alessio un suo talentuoso conterraneo, che si chiama Vitantonio Fosco, per aggiustare colori e posizioni, per regimentare e valorizzare alcune tecniche "fortunatesche", per correggere alcune imperfezioni che questa lavorazione "lenticolare" non consente. Approfitto dunque di questa domanda per ringraziare Vitantonio e Roberto, il loro contributo non è secondario nel risultato finale.


Se non volete perdervi nessun aggiornamento riguardo Dampyr, seguite la pagina Facebook del personaggio. Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram, iscrivervi al nostro canale YouTube o alla newsletter settimanale.

08/10/2019