Chi è Morgan Lost

Il mondo di Morgan Lost - Chi è Morgan Lost

Il mondo di Morgan Lost

New Heliopolis, una città crudele, dominata dalla burocrazia opprimente e perennemente immersa nell'ovattata atmosfera di una nevicata senza fine...

Morgan Lost vive in cima a un grattacielo, in un loft ricavato dal vano di un grande orologio non più funzionante. Morgan osserva la città, il cielo rosso e la neve, attraverso la grande vetrata dell'orologio.
A New Heliopolis ci sono gargoyle dalla testa di sciacallo o di coccodrillo, e al posto della statua della libertà troneggia il nume Horus, con testa di falco, che impugna il segno Ankh, proteso verso il cielo.


La "casa" di Morgan Lost (cliccate sull'immagine per visualizzarla interamente).

A New Heliopolis la burocrazia ha preso il potere. Moltissime persone lavorano sedici ore al giorno in immensi uffici, a redigere pratiche delle quali neanche loro conoscono il senso. La burocrazia vede di malocchio le relazioni e le amicizie tra colleghi, in quanto le persone sole hanno più desideri e spendono di più, muovendo l'economia della città.

In un mondo permeato di follia e di solitudine è molto facile impazzire, e persino uccidere. Se poi pensiamo che gli assassini seriali diventano vere e proprie rockstar del notiziario a loro dedicato – la trasmissione più seguita a New Heliopolis – è fin troppo facile immaginare quanti "nessuno" vogliano comparire nel notiziario, per avere l'illusione di esistere.

E così New Heliopolis è afflitta dalla piaga dei serial killer, personaggi folli, violenti, quasi sempre sopra le righe, come usciti da una pellicola di Quentin Tarantino. La polizia non riesce a sostenere una situazione tanto grave, e ha istituito un corpo speciale di Cacciatori di assassini, istruiti con lo "Studio della mente criminale" di Sigmund Freud, che in quest'ucronia ha sofferto la morte della figlia Anna, rapita e uccisa da un maniaco. Insomma, in questo mondo parallelo la scienza del "profiling criminale" è stata fondata dal grande analista austriaco, mentre nel nostro universo è stato John Douglas, un agente dell'FBI a creare il metodo, negli anni '70.

I cacciatori di assassini sono parenti stretti dei nostri profiler, che cercano di prevedere il comportamento dei serial killer studiando le dinamiche dei loro delitti e provando a calarsi nella loro mente. Un lavoro durissimo che rischia di distruggere la personalità stessa di chi indaga, e per questo Morgan Lost è un uomo tormentato e fragile.