24 dicembre 2018

Addio a Grazie Nidasio

Addio a Grazia Nidasio

La notte di Natale ci ha lasciati Grazia Nidasio, una delle autrici più importanti della storia del fumetto italiano. A lungo collaboratrice del Corriere dei Piccoli, è nota soprattutto per i personaggi di Valentina Mela Verde e della sorellina Stefi.

Ci sono pochi dubbi sul fatto che Grazia Nidasio sia stata una delle autrici più importanti della storia del fumetto italiano. Nata a Milano nel 1931, ha legato la sua carriera soprattutto al Corriere dei Piccoli - nelle sue varie incarnazioni - con il quale aveva iniziato a collaborare da giovanissima facendo sia la disegnatrice sia la redattrice.

Dopo diverse serie realizzate negli anni 50, nel mese di ottobre del 1968 fece il suo esordio sulle pagine del Corrierino il personaggio di Valentina Mela Verde. Il successo fu immediato, e non poteva certo essere considerato casuale, vista la capacità della Nidasio di raccontare la quotidianità di quegli anni con ironia e disincanto, intercettando le passioni e i problemi del pubblico adolescenziale.

Nel 1972 il personaggio migrò sul neonato Corriere dei Ragazzi, lasciando però sulle pagine del Corrierino la sorellina Stefi, che nel 1992 si trasferì a sua volta sulle pagine del Corriere della Sera, dove fu protagonista di una lunga serie di vignette satiriche dedicate a fatti e situazioni dell'attualità di allora. Ma oltre alla famiglia Morandini di Valentina e Stefi, l'autrice milanese ha creato anche personaggi come il dottor Oss (con Mino Milani) e Violante Rock (con Guglielmo Zucconi), e diversi altri magari meno noti ma non per questo meno riusciti.

Non solo fumetti, però, perché Grazia Nidasio è stata anche grande illustratrice, soprattutto di letteratura per ragazzi. D'altra parte, il suo segno ricco e fluido si prestava benissimo alla realizzazione di disegni atti ad accompagnare un testo scritto, e questo l'ha portata negli anni a collaborare con i più importanti editori del nostro paese. E negli anni 90 non poteva non trovarsi a lavorare anche nei cartoni animati, con una serie dedicata alla Stefi e altri progetti a carattere didattico.

La redazione di via Buonarroti la ricorda con affetto e grande rispetto.

27/12/2018