Sergio Bonelli Una vita per i fumetti

Una vita per i fumetti

Il 26 settembre di quattro anni fa ci lasciava Sergio Bonelli. Per ricordarlo, gli abbiamo dedicato una video-gallery che ripercorre sinteticamente le tante emozioni che il nostro editore ha saputo regalare ai lettori nel corso della sua carriera. Grazie, Sergio!...

Il 26 settembre 2011 ci lasciava Sergio Bonelli. Per noi della redazione di Via Buonarroti e per le tante persone che lo avevano conosciuto, di persona o attraverso le sue storie, quella data rimane scolpita nella memoria e continua a riportare a galla la tristezza e il dolore associati al ricordo di quel giorno.

In occasione del quarto anniversario della scomparsa, abbiamo pensato di rievocare alcune delle tante splendide emozioni che Sergio, nei panni dello sceneggiatore di fumetti Guido Nolitta, ha saputo regalarci con le sue storie. Brividi che rinverdiamo attraverso una ricca video-gallery che vi proponiamo qui di seguito. Nel comporla, abbiamo dovuto sforzarci e lavorare di estrema sintesi: data la straordinaria mole di pagine prodotte dalla fine degli anni '50 sino al 2006, anno di uscita dell'ultima avventura di Mister No, siamo stati costretti a fare delle scelte totalmente arbitrarie e che non mancheranno di fare storcere il naso a qualche attento appassionato. Già ci pare di sentire le voci di qualcuno: "Ma come? Manca la mia storia preferita?", "...e quel numero di Zagor? Era più bello di quello che avete scelto!". Proteste legittime e inevitabili: quando si tratta di emozioni ci si inoltra in un territorio i cui confini sono estremamente soggettivi.

Abbiamo voluto creare un percorso, mantenendo un filo cronologico nella presentazione delle copertine, delle tavole e anche delle foto che ritraggono il nostro editore nel corso degli anni. Si parte con Ciuffetto Rosso (di cui il giovane Bonelli, nel 1955, con lo pseudonimo di Annalisa Macchi, firmò le didascalie) per finire con il già citato ultimo episodio di Jerry Drake. Nel mezzo, tanti momenti indimenticabili vissuti dai suoi eroi e tanti volti, tra quelli che hanno accompagnato Sergio nella sua lunga avventura editoriale, ritratti dalle fotografie. Altrettanti non sono inclusi nel nostro omaggio (tra i volti, certamente quello di Gallieno Ferri, presentissimo, invece, con il suo straordinario e inconfondibile tratto). Ci perdonerete, ma ci siamo cascati: nel voler ricordare Sergio e desiderando ringraziarlo idealmente ancora una volta, la nostra mente si è un po' annebbiata, travolta dall'emozione...

Ciao, Sergio... e grazie!