Tex Willer

Quando il west era giovane!

In occasione della presentazione della mostra "Tex. 70 anni di un mito", è stata annunciata la nuova serie dedicata al personaggio creato da Gianluigi Bonelli: in edicola da venerdì 16 novembre e con un numero 0 allegato a Tex 697 e Zagor 640/Zenith 691.

Attraverso le parole di Davide BonelliMauro Boselli, scopriamo cosa dobbiamo aspettarci dalla nuova serie dedicata a Tex Willer che debutta a Lucca per poi arrivare in edicola il 16 novembre, e anche cosa contiene il numero 0, allegato al numero 640 di Zagor e al numero 697 di Tex.

Nel 1948, quando la maggior parte di noi non erano ancora nati, mia nonna Tea Bertasi Bonelli chiese al suo ex marito Gianluigi Bonelli di mettere il suo talento narrativo a disposizione della piccola Casa editrice della quale era la saggia e oculata amministratrice. Così, G. L. Bonelli - grazie alla perfetta intesa con un disegnatore di grande talento, che si chiamava Aurelio Galleppini - diede vita a Tex Willer, l'eroe del West che rappresentò il definitivo punto di svolta per le Edizioni Audace, la cui crescita verrà poi consolidata da mio padre Sergio Bonelli.

Nel 2018 Tex è più forte e popolare che mai, e continua ad appassionare milioni di lettori di ogni età e classe sociale. Un personaggio che ha ancora tante avventure da vivere.

Nel 2018, Tex è più forte e popolare che mai, e continua ad appassionare milioni di lettori di ogni età e classe sociale. Un successo incredibile, che oggi abbiamo deciso di festeggiare con libri, mostre e iniziative speciali, tutte incentrate sulla carismatica figura di un ex fuorilegge abituato a lottare per la giustizia, senza pregiudizi e senza compromessi. Un character di carattere - permettetemi il gioco di parole - che ha ancora tante avventure da vivere nel presente e nel futuro, ma soprattutto tante avventure passate da raccontarci, legate alla sua tumultuosa giovinezza, quando era uno degli "outlaws" più ricercati della Frontiera.

Proprio discutendo di queste "zone d'ombra" mai ancora esplorate come meritano, un paio di anni fa, durante un'informale chiacchierata con il curatore nonché sceneggiatore principe della serie Mauro Boselli, ci è venuta l'idea di tornare alle origini del mito texiano, in un mensile che porta nel titolo il nome con cui, sugli avvisi di taglia, si invitava chiunque lo incontrasse a catturarlo e consegnarlo alla Legge vivo o morto: Tex Willer.

Settant'anni dopo il suo esordio in edicola, in pieno Terzo Millennio, sono dunque io a prendermi l'entusiasmante compito di presentare questa collana dove l'inossidabile Tex sta per vivere una nuova e travolgente giovinezza. Tutto cambia, nel mondo intorno a noi, ma anche stavolta lui non vi deluderà. Tex è sempre Tex, ve lo assicuro!

Davide Bonelli


Un particolare della copertina di Tex Willer 0 - cliccate sull'immagine per vedere la cover intera


Tex
ha appena vent'anni, nella sua prima apparizione del 1948, sull'albo a striscia "Il totem misterioso", quando, cavaliere solitario ricercato dagli sceriffi, si getta a capofitto nell'avventura per salvare dai cattivi la giovanissima indiana Tesah. Da quel momento non ha smesso di cavalcare e battersi per il trionfo del Bene, per i successivi settant'anni, sino a oggi. Il nostro eroe, naturalmente, è giovane tuttora, privilegio, questo, degli eroi della fantasia. Ma a un certo punto ha messo la testa a posto (si fa per dire) e si è fatto una famiglia. Il Tex che conosciamo ha 45 anni, ed è vedovo, con un figlio grande. I suoi lettori affezionati, però, conservano indelebile, nella memoria e nell'anima, il ricordo di quel giovane scatenato: le due immagini - il fuorilegge coraggioso ingiustamente perseguitato e l'odierno ranger e capo Navajo - si sovrappongono, concorrendo entrambe al fascino del personaggio.

Mentre nella vita vera non si può tornare indietro, il miracolo del fumetto è che invece si può fare! Tex può vivere la sua vita mensile attuale e averne un'altra parallela, che esplora le pagine sconosciute della sua indimenticabile giovinezza.

Ebbene, mentre nella vita vera non si può tornare indietro, il miracolo del fumetto è che invece si può fare! Tex può vivere la sua vita mensile attuale e averne un'altra parallela, che esplora le pagine sconosciute della sua indimenticabile giovinezza. Già altre volte, nel corso di un bivacco in compagnia dei suoi pards, Tex ha raccontato - a loro e ai lettori - qualche emozionante episodio della sua vita passata. Ma questa volta le storie saranno in diretta, senza la mediazione del Tex adulto, e ci riporteranno a un mondo della Frontiera ancora più semplice, forte e selvaggio.

Non abbiamo riscritto le prime, grandi storie di Gianluigi Bonelli: quelle ci sono già, svelte, energiche ed esplosive come una fucilata, e le possiamo rileggere ogni volta che ci piace. Noi vogliamo farvi scoprire le altre, quelle che il creatore di Tex, andando a mille all'ora sui tasti della sua macchina per scrivere, non ci ha raccontato, ma di cui ha talvolta lasciato rapidi accenni. Chi era Bill il Rosso? Che cosa accadde a Tesah quando fu lasciata nella cittadina di Saint Thomas? Coffin si salvò dall'incendio del ranch? Davvero ci è stato raccontato tutto, del periodo rivoluzionario di Tex con Montales? E di Lupe Velasco? E di Marie Gold? E del ranger Arkansas Joe? E del giovane Kit Carson? E di "Damned" Dick? E di Cochise dei Chiricahuas? E della carriera teatrale e spionistica dei fratelli Dickart, ossia Mefisto e Lily?

Tutti questi personaggi di Gianluigi Bonelli sono talmente formidabili e pieni di vita che non sopportano di restare chiusi solo in quelle lontane storie: ne sono balzati fuori, armati di tutto punto con fucili, pistole, archi e frecce e cilindri da illusionista, per precipitarsi nelle nuove avventure. L'albo che trovate in allegato con i numeri di Tex e Zagor di novembre è poco più di un trailer cinematografico, una breve presentazione antologica, ma potrete capire da questo assaggio che Tex sarà sempre al centro delle vicende, come un vero eroe classico, e che - oltre ai mitici personaggi bonelliani degli esordi - ne troveremo alcuni appartenenti alla Storia del West - a volte già apparsi nella saga, come Allan Pinkerton e Buffalo Bill, a volte no, come l'agente Pinkerton Kate Marsh e il senatore Abe Lincoln... 

La nostra intenzione è di farvi riassaporare il gusto e il ritmo d'altri tempi di un giovane West e di un giovane Tex, il sapore dell'avventura semplice, diretta e incantata, come la vivevano le fantasie di Bonelli, di Galep e dei loro lettori.

La nostra intenzione è quella di farvi riassaporare il gusto e il ritmo d'altri tempi di un giovane West e di un giovane Tex, il sapore dell'avventura semplice, diretta e incantata, come la vivevano le fantasie di Bonelli, di Galep e dei loro lettori. La prima storia, per un sentito e necessario omaggio al mito e ai due grandi fumettisti che l'hanno creato, prenderà avvio proprio da quel primo episodio con Tesah e il suo tesoro segreto, ma - come vedrete - scoprendone antefatti, seguiti e particolari nuovi. Ci capiterà sicuramente ancora di incrociare le storie di Bonelli, per esempio quando incontreremo per la prima volta Montales, perché questa non è una rivisitazione del genere "reboot", dove tutto cambia, bensì una riscrittura moderna ma, allo stesso tempo, fedele all'originale, e non si può prescindere dai "sacri testi" del grandissimo Gianluigi Bonelli! Il più delle volte, però, batteremo territori nuovi e inesplorati, alla ricerca delle avventure sinora mai scritte, e allora cavalcheremo nell'ignoto, con Tex in sella a Dinamite, e dietro ogni pagina ci aspetterà una sorpresa, un agguato, un pericolo, un tesoro, le urla dei Comanche o le fucilate dei guerriglieri messicani. Stringete quindi con attenzione le cinghie della vostra sella, controllate che il vostro fucile Henry e la vostra Colt Navy siano carichi e che ci sia acqua nella borraccia... E buona cavalcata verso le piste del favoloso, giovane mondo del West!

Mauro Boselli


Se non volete perdervi nessun aggiornamento riguardo Tex, seguite la pagina Facebook del personaggio. Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina ufficiale di Sergio Bonelli Editore su Facebook o su Instagram e iscrivervi alla newsletter settimanale.

01/10/2018