Libri

Il viaggio in Italia di Julia

Il 13 luglio è arrivato in libreria, fumetteria e nel nostro Shop online il nuovo volume dedicato a Julia, "Viaggio in Italia", che ci permette di rivivere le avventure che hanno visto la criminologa di Garden City visitare il Bel Paese.

Luca Marrone, criminologo e criminal profiler, insegna presso la Libera Università Maria Santissima Assunta di Roma ed è consulente del Tribunale di Roma per l'analisi delle scene del crimine. Autore di numerosi volumi scientifici, è anche un grande appassionato della nostra Julia. Per presentare il volume che vede ristampate tre avventure dell'indagatrice dell'animo ambientate in Italia - disponibile in libreria, fumetteria e nel nostro Shop online - vi proponiamo qui una parte del suo articolo scritto appositamente, che potete leggere nella sua interezza nell'introduzione del libro.

Negli ultimi due decenni, la produzione di saghe poliziesche, letterarie e televisive in particolare, che si focalizzano sulle procedure di esame e interpretazione della scena del crimine ha conosciuto notevole incremento. In libreria e sul piccolo schermo imperversano tecnici della scientifica e criminal profiler, protagonisti di vicende spesso non troppo distinguibili tra loro, che sembrerebbero realizzate applicando semplicemente una sorta di rigido e collaudato protocollo narrativo, senza troppe preoccupazioni di originalità e di spessore artistico.

All'opposto si colloca la produzione di Giancarlo Berardi, da sempre lontana dalle schematizzazioni stereotipate e attenta, piuttosto, all'evocazione della vita così com'è, con il suo ineludibile alternarsi di momenti lieti e dolorosi, con le sue apparenti imperfezioni, le sue asimmetrie, i suoi aspetti sospesi e irrisolti, con la sua tendenza, insomma, a sfuggire ai tentativi di semplificazione e di riduzione appunto a uno schema, rassicurante forse ma di certo semplicistico.

Ne "La semplice arte del delitto", Raymond Chandler propone di Dashiell Hammett una nota e molto citata analisi, secondo cui lo scrittore ex detective "ha restituito il delitto alla gente che lo commette per ragioni concrete e non semplicemente per fornire un cadavere ai lettori". Ciò si potrebbe evidentemente affermare di Berardi e del suo modo di concepire la narrativa di investigazione. Alla plausibilità criminologica si associa, poi, il rigore, la puntigliosità persino della descrizione delle procedure di polizia, proposte con realismo e verosimiglianza, esenti da quelle "licenze poetiche" talvolta riscontrabili in opere letterarie e televisive.


Una striscia di Valerio Piccioni da "Cadavere in trasferta", testi di Giancarlo Berardi e Lorenzo Calza

Non di rado accade, inoltre, che i protagonisti della narrativa poliziesca sembrino, per così dire, esistere solo quando impegnati a investigare su un caso criminale, le loro interazioni paiono giustificarsi esclusivamente in funzione dell'indagine, eventuali familiari e amici rimangono relegati sullo sfondo. Julia, al contrario, è coinvolta in numerose relazioni, solo in parte direttamente riconducibili alla sua attività di consulente della procura distrettuale di Garden City: si scandaglia, nella saga, il suo vissuto familiare, il rapporto con la sorella e con la nonna
 che ha allevato entrambe quando sono rimaste orfane, quello con 
il bimbo adottato a distanza, quello con i suoi
 studenti all'università, le 
sue vicende affettive e i 
loro decorsi non sempre 
facili da vivere e gestire.

"Viaggio in Italia" raccoglie tre storie che raccontano il legame di Julia con il suo fidanzato genovese, il vicecommissario Ettore Cambiaso, conosciuto durante una complessa indagine internazionale narrata nell'albo "Cadavere in trasferta". L'Autore associa felicemente il tema del viaggio come esplorazione e ampliamento di orizzonti al racconto di una relazione affettiva: quest'ultima non nasce forse proprio come un viaggio alla scoperta della persona amata, dei suoi interessi, delle sue aspirazioni, del contesto in cui vive, di tutto quanto sia riconducibile al suo universo? Il desiderio di Julia di conoscere l'Italia, la sua cultura e le sue tradizioni, di padroneggiarne la lingua, di catturarne le atmosfere sembra scaturire dal bisogno di colmare la distanza tra sé e l'uomo che ama.

Non sappiamo come si evolverà la vicenda biografica della protagonista né la sua relazione con il vicecommissario Ettore Cambiaso. La scelta di raccontare, nelle storie a fumetti di Julia, la vita così com'è, induce l'Autore ad attendere che certi sviluppi si prospettino e maturino da soli.

A cura di Luca Marrone


Se non volete perdervi nessun aggiornamento su Julia, seguite la pagina Facebook dell'indagatrice dell'animo. Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina Facebook ufficiale di Sergio Bonelli Editore e iscrivervi alla newsletter settimanale.