Magico Vento

Il lato oscuro del west

Il 6 settembre arriva in libreria "La Danza degli Spettri", il nuovo volume dedicato alle avventure di Magico Vento. Per presentarlo, vi proponiamo una gallery di tavole di Pasquale Frisenda e un estratto della prefazione di Gianfranco Manfredi.

Cinque storie di mostri, tutte scritte da Gianfranco Manfredi e disegnate da Pasquale Frisenda. Tutte con protagonista Magico Vento, ovviamente. Per presentarvi "La Danza degli Spettri" - in libreria, fumetteria e nel nostro Shop online a partire da giovedì 6 settembre - trovate qui sotto un estratto dalla prefazione con cui Manfredi contestualizza il volume, e trovate qui sopra alcune delle tavole che lo compongono.

"Le avventure di Magico Vento avranno come sfondo un universo di Frontiera davvero inconsueto, in cui si incontreranno sia i temi epici e movimentati del western tradizionale sia le cupe e inquietanti atmosfere dell'horror."

Con queste parole, Sergio Bonelli presentava ai lettori la serie a fumetti delle avventure di Ned Ellis, alias Magico Vento, e del suo amico Willy Richards, detto Poe, sul numero 1 del luglio 1997. La serie si è in seguito sviluppata lungo sentieri imprevisti al principio, ma questa caratteristica di western-horror ha continuato a costituirne un elemento fondamentale. Già nell'ideazione dei due protagonisti, idealmente riferiti (il primo al più classico dei classici della narrativa di frontiera: "L'ultimo dei mohicani" di Fenimore Cooper, il secondo al nume del gotico americano Edgar Allan Poe), si andavano a incrociare due diversi, e di solito tenuti ben distinti, filoni della narrativa statunitense del XIX secolo. La serie Magico Vento nasceva dunque da un progetto di contaminazione. 

In questa antologia abbiamo raggruppato alcune storie di Mostri (umani o sovrannaturali), tutte per le matite e le chine di Pasquale Frisenda, il disegnatore che più di ogni altro - tra i tanti che si sono alternati nella serie - è riuscito a esprimere il lato oscuro di Magico Vento, col tempo adattandolo a un clima più gotico che horror in senso stretto. Ned Ellis è uno sciamano, e dunque era insito nel personaggio un aspetto spirituale. Mentre l'horror puro può appagarsi della mera paura, il gotico indica un percorso, un attraversamento della paura che conduce a superarla, trascendendola in misticismo.

Le avventure che troverete in questa antologia, per quanto disposte secondo l'ordine cronologico di pubblicazione, costituiscono qui, alla lettura, un cerchio: si comincia infatti con un mostro tipico della tradizione dei nativi americani del nord, il windigo, e si chiude con un altro mostro soprannaturale di origine opposta, il Vultur, che già dal nome latino allude a mostri più tipici della mitologia classica. In mezzo, visioni sciamaniche e cupi scenari di cittadine di frontiera stravolte da uno sviluppo distruttivo, e abitate da un'umanità tanto violenta quanto disperata.

Buona lettura!

Gianfranco Manfredi


Per rimanere aggiornati su tutte le novità della nostra Casa editrice, potete seguire la pagina Facebook ufficiale di Sergio Bonelli Editore e iscrivervi alla newsletter settimanale.

28/08/2018