Intervista UT

La suggestione dell'eterno femminino

Tony Sandoval è la star internazionale chiamata a illustrare l’ultima delle sei copertine della miniserie UT in edizione per fumetterie. Ecco cosa ci ha raccontato della sua esperienza.

UT 6 – Edizione Variant per Fumetterie è arrivato nei negozi specializzati. Giunti all’ultimo numero della miniserie, e quindi all’ultimo copertinista ospite di questa versione Variant, siamo contenti di poter chiudere la serie con una illustrazione della star internazionale Tony Sandoval.

Sandoval, autore di origini messicane che da molti anni vive in Europa, possiede un segno molto evocativo, e dei colori ad acquerello personali nelle tonalità e capaci di rendere con suggestione le atmosfere delle sue pagine. Nonostante Tony ami definirsi prima di tutto un disegnatore, le storie che scrive, dai toni cupi e non privi di elementi horror, sanno costruire dei meravigliosi ritratti di bambini e adolescenti, spesso in bilico tra realtà e sogno. Tra le sue opere pubblicate in Italia, ricordiamo almeno “Il cadavere e il sofà”, “Nocturno” e il recente “Mille tempeste”, editi in Italia da Tunué. Eccovi un estratto dell’intervista che completa i ricchi contenuti speciali di UT 6 – Edizione Variant per Fumetterie, presto in vendita anche sul nostro sito.



Avevi già incontrato il segno di Corrado Roi, prima di ricevere le pagine della storia da utilizzare come riferimento per la realizzazione della tua copertina della Variant di UT numero 6?

No, non conoscevo il lavoro di Corrado, ma mi è davvero piaciuto molto ciò su cui ho potuto posare gli occhi.

Nella tua illustrazione, hai scelto di visualizzare una inquietante figura femminile, che domina su Ut e il gatto Leopoldo. Un’immagine che richiama la scena finale dell’albo: quali sono gli elementi di questa sequenza che hanno catturato la tua attenzione?

Non conoscevo il lavoro di Roi, ma mi è davvero piaciuto molto ciò su cui ho potuto posare gli occhi.

Mi è piaciuto inserire una donna, in copertina, perché in generale amo molto disegnare i personaggi femminili, ma sono stati soprattutto la stranezza dell’aspetto di Ut e la sua particolarità ad attrarmi. Non conosco approfonditamente la serie, ma senz’altro riesco a percepire la strana atmosfera che emana dalle sue pagine.

Le ragazze che disegni sono sempre piuttosto espressive e comunicative, sia con lo sguardo che con le pose dei loro corpi e i gesti delle mani. In questo caso, hai dovuto utilizzare solo un volto, per di più uno con gli occhi neri! Ti ha messo in difficoltà, questa limitazione?

Lavorare solo sul volto non ha rappresentato una particolare limitazione. Alla fine, tutta la lavorazione dell’immagine, da quando mi è stata approvata la bozza, alla colorazione finale, ha coperto un arco di pochi giorni, prima della mia partenza per il Comicon di San Diego, anche se in realtà la richiesta di fare una cover per UT, Giovanni Mattioli me l’aveva già fatta ad aprile, a Napoli. Insomma, mi sarebbe piaciuto avere più tempo per immergermi nella serie. Questa sì era una limitazione!

A cura di Luca Del Savio

Trovate l’intervista completa, accompagnata dagli studi e dagli schizzi di lavorazione, su UT 6 – Variant Fumetterie.


UT è anche su Facebook! Correte a mettere un "mi piace" per non perdervi anteprime, notizie, video e aggiornamenti che popolano la pagina ufficiale di UT. Per rimanere aggiornati su tutte le iniziative bonelliane, iscrivetevi alla Newsletter gratuita settimanale!